SPEED FLY

Lo Speed flying è uno sport ibrido che ha combinato elementi di parapendio, paracadutismo per creare un nuovo sport. Come il parapendio, il volo veloce viene effettuato lanciando da una pendenza con l’ala sopraelevata, già gonfiata dall’aria in entrata. La principale differenza tra il volo veloce e il parapendio è che il volo veloce è pensato per creare una corsa veloce ed emozionante vicino alla pista, mentre il punto del parapendio è solitamente quello di mantenere un volo più lungo e delicato.

La tecnica di atterraggio veloce per le ali di velocità è simile a quella utilizzata nel paracadutismo. Tuttavia, paracadutismo o paracadutismo sono fatti da un aereo o da un oggetto fisso (salto BASE), e l’ala è progettata per arrestare la caduta libera. I nuovi modelli di ali ibride (dette anche mini-ali) vengono ora prodotti per consentire un’escursione e una partenza ad alta velocità da zone montuose. Possono essere volati con forti venti laminari e termici simili ai parapendio, e possono anche essere ritagliati per una più tradizionale discesa in velocità.

Alla fine degli anni ’70, gli alpinisti francesi iniziarono a lanciare paracaduti dalle montagne ripide a piedi (lancio al suolo) e con gli sci. Le modifiche a questi paracadute si sono evolute in ali più grandi e più facili da lanciare, ora chiamate parapendio, e il lancio a terra del paracadute è rimasto in gran parte dimenticato.

Tuttavia, i progressi negli eventi di lancio del materiale e del paracadute hanno ispirato una nuova generazione di piloti in Francia e in America circa 20 anni dopo. Le gare di slalom a piedi lanciate da paracadutisti conosciute come competizioni di Blade Running (o Runner) sono iniziate negli Stati Uniti occidentali nel 1996 e continuano con il Blade Raid dal 2005. Una squadra americana di paracadutisti contrari ha ampliato lo sport, realizzando video di acrobazie in montagna le Alpi dal 2001 al 2002. Un membro del team ha aperto la prima “Ground Launching School” per i paracadute lanciati a piedi nel 2004 in California, USA.

Successivamente, nel 2005, un gruppo di piloti francesi ha iniziato a sperimentare con i modelli modificati di paracadute e parafoil kite. Uno di questi, Francois Bon, un pilota collaudatore di parapendio, insoddisfatto della prestazione di paracadute lanciata a piedi ha contribuito a perfezionare il design della prima vela ad alta velocità, il Gin Nano.

Questo si è evoluto in altre ali commerciali (tra 9 e 14 metri quadrati) progettate per velocità, portabilità e un rapporto di planata inferiore. Oggi gli alianti a velocità sono prodotti da oltre 30 produttori in tutto il mondo. La Francia ha ospitato la prima gara di velocità annuale, “Speed ​​Flying Pro Les Arcs”, nel gennaio 2007, che ha continuato ad essere dominata dal pioniere della velocità del pioniere Antoine Montant fino alla sua morte nel 2011.

Lo sport è cresciuto rapidamente sin dal suo inizio, in particolare in Francia e Svizzera, con una stima di 3.000-5.000 piloti di velocità in tutto il mondo.

I piloti delle ali veloci hanno già attirato l’attenzione dei media con rapide discese da vette come l’Aconcagua nelle Ande e varie cime nelle Alpi. Esistono stabilimenti di volo in tutto il mondo, tra cui piste dedicate a diverse località in Francia e oltre 100 istruttori in circa 20 paesi diversi. Il nuovo sport aereo ha molte forme scritte (come Speedflying, Speed-flying, Speed ​​flying, Speed ​​riding, Speedriding, Speed-riding, Skigliding, Ski-gliding, Ski gliding, Ski flying, Ski-flying e Ground launching).

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close